Chi siamo

Tramonti è il marchio che è succeduto alla conosciuta Europa design & furniture dal 2013. Società relativamente giovane, la sua costituzione avviene nel 1984 anche se le basi sono concepite ed elaborate nel 1980 da parte del suo fondatore.

L'idea è di produrre una collezione di modelli chiamati: "I Classici delle Lampade Moderne" che comprenda gli esemplari che hanno fatto la storia del design, e che non ritroviamo nelle collezioni dei musei e nelle pubblicazioni specializzate. A tal proposito c'è da notare che negli anni '70-'80 i classici delle lampade erano poco conosciuti dal pubblico e raramente venivano pubblicati articoli su riviste d'illuminazione. L'attuale collezione Europa design & furniture discende da quest'idea che si è ampiamente sviluppata nel corso degli anni e rappresenta oggi la più grande collezione di classici prodotta e commercializzata da una sola società. Senza un profondo amore, cultura ed una attenta conoscenza, non sarebbe stato possibile per noi dedicare 25 anni a produrre solo ed esclusivamente lampade e oggetti pensati e progettati dai grandi maestri dal 1900 al 1960, pertanto ci sembra doveroso dare alcune informazioni utili.

E' UN PEZZO ORIGINALE?

Questa domanda ricorre spesso riguardo ai rifacimenti moderni di storici progetti di arredamento. Qualsiasi cosa che si acquista attualmente, a prescindere da chi e a che prezzo, non è altro che una riproduzione rivisitata o un rifacimento di progetti o prototipi di arredo realizzati qualche decennio fa. In molti casi queste sono riproduzioni esatte secondo il progetto originale. Quando Breuer realizzò le sue Wassily Chairs e gli assistenti di Le Corbusier cercarono di piegare i tubi per i telai delle sue poltrone, questi disegni erano ancora in stato sperimentale, ben lontani dall'essere idonei all'uso quotidiano. Inoltre, i prototipi sembravano brutti a tal punto che i progettisti venivano derisi per aver fatto degli "arredi ospedalieri". Guardati dal giusto lato, potreste essere d'accordo (le immagini si trovano al Victoria & Albert Museum, a Londra). Allora non era nemmeno possibile produrre un'imbottitura che mantenesse la sua forma, né una saldatura fatta ad arte o una corretta placcatura in cromo. Ecco perché la maggior parte degli "originali" sono dipinti in nero. Attualmente, le schiume di poliuretano e la sofisticata tecnologia dell'elaborazione dei metalli ci consentono di rendere un arredo perfetto e comodo per il pubblico esigente. E tutto questo ad un prezzo accessibile. Consideriamo ridicolo il fatto di imprimere la firma di un designer nel telaio di un arredo che non ha mai disegnato, proprio come l'intera discussione sull'autenticità laddove non ve ne è. Ad eccezione di Michela Thonet, nessuno degli industriali attualmente in vita può vantare di produrre uno dei pezzi classici del design dal principio. Quindi acquistare "copie autorizzate" non vuol dire altro che comprare un arredo eseguito e costruito secondo le specifiche da esperti artigiani, proprio come quando si compra un arredo che si fregia del fatto di essere "originale".