Tim Power

Timothy Power si laurea in Architettura al California Polytechnic State University, San Luis Obispo nel 1985; ottiene una seconda laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 2005. E’ iscritto all'Ordine degli Architetti, P.P.C della provincia di Milano nel 2006.

Nel 1996 fonda Studio Power, studio specializzato in architettura d'Interni e industrial design.

Power ha studiato a Firenze, grazie alla California Polytechnic State University che aveva una sede distaccata sia in Italia che in Danimarca; scelse il nostro paese perché affascinato dalla storia. Ha studiato con due docenti molto importanti: Cristiano Toraldo di Francia di Superstudio e Gianni Pettena, uno dei più importanti storici dell'architettura italiana.

Tim Power ha collaborato, dal 1987 al 1996, con gli studi SuperStudio, Claudio Nardi e Sottsass Associati, uno dei personaggidi maggiore rilievo dell'architettura e del design italiano. Studio Power ha disegnato progetti d'Architettura e Design di Interni per numerosi clienti e brand famosi nel mondo dell'Arte, della Moda e della Pubblicità; tra questi Louis Vuitton, XYZ Communications, Motorola, Muji, Switch, Preziosismi, J Walter Thompson, and UCI (Paramount). Studio Power, inoltre, ha progettato prodotti industriali, mobili e oggetti per Zeritalia, Poltronova, WMF, Montina, Oluce, David Design, BRF, Alfi, Rosenthal, FontanaArte, Mitsubishi, Cassina/Interdecor, Texas Instruments, e molti altri.

I lavori di Tim Power sono stati stati esposti a Milano, Firenze, San Francisco, New York, Barcellona, Tokyo, Londra, Colonia e Venezia, e pubblicati nei migliori libri e riviste di Design e Architettura. L’architetto statunitense ha tenuto corsi all'IED di Milano, Venezia e Torino e alla Domus Academy di Milano, inoltre, è docente presso la scuola di Disegno Industriale del Politecnico di Milano.


Nel 2009 lo Studio Power si è aggiudicato il 3° posto al concorso internazionale–Housing Sociale – Una Comunità per Crescere , Via Cenni, Milano–Italia, un altro progetto importante è stato il Celux, LVMH Concept Store, Louis Vuitton Building a Tokyo nel 2002.

Share:   Email / Facebook / Twitter